#sBULLOniamoci – PROGETTO LEGALITA’ a.s.2017-2018

Progetto ideato da Giorgia Costeniero e la dottoressa Elpidia Ponzio Psicologa Psicoterapeuta familiare e Mediatrice Familiare con la collaborazione di Silvia Romano e Valentina Tinnirello.

PREMESSA
Oggi il livello di allarme sociale si è elevato e nelle scuole si presta molta più attenzione a prevenire e impedire comportamenti trasgressivi e discriminatori noti come “bullismo”, che si manifesta nei diversi risvolti violenti come la diffamazione, intimidazione, prevaricazione, emarginazione,
intolleranza verso il diverso. Le nuove generazioni inoltre sono altamente informatizzate, ma l’uso di Internet può riservare sgradite esperienze di cui i giovani devono essere edotti, in modo che evitino di essere vittima di reati informatici (“Cyberbullismo”).
Il progetto di Progetto “Legalità #nonsolomafia da te a me: insieme per una scuola anti-bulli” è finalizzato a fare in modo che i processi di inserimento nel gruppo e l’intreccio di relazioni con i coetanei all’interno della scuola avvengano in modo positivo allo scopo di prevenire episodi di prepotenze e di vittime.

A tal fine si mira a potenziare negli alunni una crescita sociale attraverso un approccio ai problemi comportamentali di tipo “empatico”, il cui fine è promuovere una riflessione sulle dinamiche relazionali, sui segnali di disagio, sullo star bene a scuola in particolare ma anche tra pari,
utilizzando una metodologia di tipo partecipativo.
Assogevi Onlus da diversi anni si è resa promotrice di progetti educativi, sensibilizzando le persone sui temi di mafia, legalità e Costituzione, utilizzando strumenti e approcci di vario genere per coinvolgere, in particolare, i bambini e i ragazzi delle scuole di vario ordine, e negli ultimi tempi,
soffermandosi maggiormente sui fenomeni attuali e diffusi maggiormente nel nostro territorio vicentino.
Anche per l’anno scolastico 2017-2018 l’Associazione intende proseguire e far evolvere il progetto legalità dando maggior spazio ai ragazzi stessi, utilizzando i loro strumenti di comunicazione, avvalendosi anche della collaborazione di esperti e di personaggi pubblici di spicco per la loro generazione.
Alcuni riferimenti metodologici si basano sulla Peer Education che si configura come una vera e propria strategia educativa, volta a favorire un passaggio di conoscenze, esperienze, emozioni ecc. tra membri di un gruppo alla pari, in particolare tra i ragazzi più grandi con i più giovani, facendo
leva sul legame che viene a costituirsi per comunanza, similarità che lo rende un interlocutore affidabile ed in cui è possibile identificarsi e creare influenza sociale positiva.
Intende inoltre promuovere, il coinvolgimento attivo dei genitori in famiglia e nella scuola, e degli insegnanti è fondamentale nella prevenzione e nel contrasto del bullismo. La famiglia, così come la scuola, oltre ad essere i principali nuclei entro i quali si strutturano comportamenti e stili di vita,
possono diventare i “luoghi” dove essi possono modificarsi per diventare più funzionale e adeguato.
DESTINATARI
Tutti gli alunni delle diverse classi e sezioni della Scuola Media Superiore di Primo.
Da quando la Scuola sottoscrive il progetto fino a FEBBRAIO

FINALITA’
 Promuovere il benessere e l’empatia.
 Sensibilizzare alla legalità, rispetto della diversità
 Prevenire comportamenti di prepotenza e di vittimismo tra i ragazzi.
Prevenire il disagio giovanile.
OBIETTIVI SPECIFICI
 Rafforzare l’autostima e l’identità personale
 Riconoscere le proprie emozioni ed esprimerle in modo adeguato
 Sapersi relazionare in modo positivo con coetanei ed adulti
 Promuovere interventi di collaborazione, tutoring, supporto e aiuto reciproco
 Riconoscere l’importanza delle regole per la convivenza democratica

MODALITÀ ORGANIZZATIVE
Il percorso si articola in diverse azioni che prevedono il Monitoraggio/Consulenza in itinere e finale da parte dei referenti del progetto. E’ necessaria la collaborazione di uno o più docenti a secondo del numero di classi aderenti per sollecitare lo svolgimento delle attività di seguito descritte e per affrontare in modo efficace anche in classe il tema del bullismo e della legalità.
ATTIVITA’CON GLI ALUNNI SECONDARIA DI 2°GRADO

Viene promosso un concorso a premi per i ragazzi della scuola secondaria di secondo grado per incentivarli a condividere esperienze e idee relative al bullismo e al cyberbullismo, creando un elaborato che abbia in se uno sloga anti-bullismo.  L’elaborato potrà essere un video, un opera grafica, una canzone, una poesia, un testo o un fumetto.

regolamento e scheda di adesione da inviare entro il 15.12.2017

ATTIVITA’CON GLI ALUNNI SECONDARIA DI 1°GRADO
 Incontro con gli esperti in aula magna con le classi aderenti al progetto per confrontarsi sul tema del bullismo e della legalità e avere le linee guida del progetto. Saranno presenti : uno psicologo, un avvocato, un rappresentante della Polizia Postale e i referenti del progetto per Assogevi (durata 2 ore)
 Il mese di febbraio (mese della legalità) con il docente aderente al progetto 1 ora la settimana sarà dedicata alla visione di alcuni elaborati della secondaria di 2°grado con discussione in classe
 A fine mese votazione in classe dell’elaborato con lo slogan più efficace. Adesione entro il 5.12.17 – Versamento contributo entro il 15.12.17

Modulo di adesione al progetto come secondaria di 1° grado

Per ulteriori informazioni o per aderire al progetto chiamare il n.377.7064375 o scrivere a assogevi@gmail.com